Passa ai contenuti principali


Tradizioni sul Natale : L'albero di Natale


L'albero di Natale, imponente e maestoso è lui il re del Natale. E' la gioia di grandi e piccini. Non ha importanza se naturale o artificiale, alto 2 m o 50 cm è una vera e propria attrazione per i nostri occhi. luci su luci, sfere colorate, stelline, fiocchi, gli fanno da cornice nella sua antica tradizione.

Navigando in rete ci sono talmente tante storie che riguardano la nascita dell'albero di Natale. Di sicuro una cosa è certa che è stata una tradizione pagana assorbita poi dai cristianesimo, e notizie riguardanti appunto la nascita si hanno nel nord Europa, e più precisamente in Germania.

Nella storia infatti si narra che nel 1570 a Brema venne decorato un albero con mele, noci,datteri e fiori di carta. La città di Riga proclama invece la sua di sede come nascita del primo albero di Natale della storia nel 1510.

Fra le tante storie e leggende che ho letto riguardanti questo argomento ne ho scelto una in particolare ed è questa che voglio raccontarvi …..

sicuramente una leggenda, ma che ci farà sognare e sentire un po' la magia del Natale.

"….. In un villaggio di campagna, un ragazzino andò alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino come voleva la tradizione della Vigilia. Attardandosi nel bosco non ritrovò più la strada di casa, dal momento che iniziò a cadere una fitta nevicata. Per ripararsi dal freddo si riparò sotto l'unico albero che avesse dei rami folti era un abete. Il ragazzo stanco e sfinito si addormentò sotto i rami dell'abete. E ……. l'abete intenerito abbassò i rami fino a formare una sorta di rifugio, per proteggerlo dalla neve. Solo il mattino dopo quando si svegliò e fu ritrovato alla gente del villaggio tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che l'albero aveva creato. I suoi rami erano ricoperti di cristalli di ghiaccio e luccicavano con la luce del sole che stava nascendo …… L'albero così diventò il simbolo del Natale.


Beh! Ve lo avevo anticipato che era una leggenda ma vogliamo sognare per qualche giorno e tornare bambini credendo ancora nelle favole?

Come ogni ricorrenza ha un suo messaggio anche l'albero ne ha uno : la luce …… vi ricordate nella storia che ho raccontato prima …… "il sorgere del sole (la luce) ha fatto notare alla gente del villaggio l'albero nel suo splendore ….."
Luce soffusa , variopinta, a cascata ad intermittenza ma, sicuramente con un suo significato: c'è una luce per ognuno di noi!

Chi fu a guidare la notte del 24 dicembre i pastori verso la grotta del bambinello? Una luce quella di una stella. Ecco, l'albero con le sue luci è come una stella. Che si accende esclusivamente per ognuno di noi. Immaginiamo l'albero quindi come una stella nelle nostre case per le vie della città che accende l'allegria, la voglia di stare insieme, la voglia di festeggiare e più è intensa, e più accende gli animi.


A tutto ciò si aggiunge la tradizionale piacevolezza di fare dell'albero l'angolo dei regali. Eccolo trasformato dunque nel custode di pacchetti e pacchettini, da scartare rigorosamente la notte del 24 dicembre. Vedete allora che il nostro albero diventato così la luce di tutti i pensieri trasformati in regali!!!!

Beh, che altro dire, sbizzarriamoci dunque e creiamo il nostro albero di Natale unico, eguale a nessun'altro, soffermiamoci a guardarlo e lasciamoci rapire dalla misteriosa magia che solo lo scintillio delle sue piccole luci è in grado di creare.




Tra qualche giorno i nostri bambini saranno a casa per le vacanze natalizie. Pensiamo di passare qualche ora con loro facendo qualche lavoretto creativo he stimoli anhe la loro fantasia e sicuramente si divertiranno insieme a voi. I miei bambini amano dipingere tagliare incollare.... insomma quando c'è da pasticciare qualcosa sono sempre i primi....



Questa volta ho pensato ad un progetto facile facile.... i materiali possono essere anche cose recuperate in casa ecc... ecc....

Il materiale occorrente è:



- cartoncino (anche di recupero - scatole i biscotti - dei cereali ecc....)

- matita

- colori acrilici ( bianco e beige)

- pennelli

- spago (lana - fettuccia, .....)


- decorazioni (piccole pigne, perline, decorazioni natalizie, ecc....)

- nastro rosso (fettuccia, o....)

- colla

- forbici





Sul cartoncino che avete recuperato disegnate delle sagome a piacere... (io ho fatto i cuori, ma possono essere anche stelle, o alberi a vostra fantasia e dei vostri bambini)





Tagliate con le forbici le sagome e date un mano di acrilico bianco sui due lati (prima uno e poi l'altro) aspettate che si asciughi bene da entrambi i lati e ripetete l'operazione.





Lasciate asciugare bene a questo punto con una "bucatrice" per intenderci quelle che si usano in ufficio per forare i fogli (se non l'avete potete fare dei piccoli tagli con la taglierina) eseguite una serie di buchi su tutti i lati della sagoma facendone uno al centro per poter appendere successivamente la decorazione





Inserite un pezzo di spago nel foro centrale





Elimina formattazione dal testo selezionato



e poi su tutti i lati della sagoma







Sporcate con il pennello e il colore beige la sagoma... date delle pennellate di colore in modo disordinato. E' questo il bello per i bambini....



A questo punto fare un piccolo fiocchetto con il nastrino rosso, attaccare una piccola pigna, o un bottone, o un aperlina ed ecco il nostro cuoricino pronto per essere appesso al nostro albero


Buone vacanze a tutti

Commenti

Post popolari in questo blog

Croce "Tau" e confetti colorati per la Prima Comunione

Eccomi di ritorno dopo qualche giorno, stamattina voglio mostrarvi un lavoro sempre realizzato per la Prima Comunione della classe di mio figlio. Con le mamme della classe si è pensato di fare un "sacchettino" unico uguale per tutti, questo per ovviare allo scambio di 15/16 bomboniere diverse (questo se non sbaglio è il numero dei bimbi che hanno ricevuto il sacramento della Prima Comunione quest'anno). Un sacchettino semplice in nastro di juta e confetti misti colorati alla frutta, per decorare il tutto una piccola croce di legno con il laccetto da portare come ciondolo. Buona giornata


guestbook

Letteralmente la parola guestbook vuol dire libro degli ospiti.... un libro dove lasciare un commento, una frase, una dedica.....
Negli ultimi tempi anche qui in Italia sta prendendo piede questa tradizione nei matrimoni.

Questo è quello che ho realizzato per una coppia di sposi che hanno coronato il loro sogno sabato 16 Luglio.

Marco e Nicoletta...... tanti tanti auguri.
















foulard come rose.....

Ed ecco la seconda parte delle bomboniere delle quali vi avevo parlato ieri.... sono state consegnate insieme a quelle a righine azzurre.
Questa volta foulard in chiffon legati per farne una rosa..... all'interno un cuore dolce di confetti ...
L'effetto finale che danno queste bomboniere è bellissimo....a guardarli tutti insieme sembra quasi di vedere dei batuffoli morbidosi....a me piacciono molto... spero anche a voi.
Vi rimando anche oggi ad un'altra puntata per mostravi gli album contenuti all'interno delle buste bianche. 





 
 
 A presto buona giornata.