mercoledì 29 dicembre 2010

Foto del Mercatino del 19 Dicembre

Con le festività Natalizie e i preparativi non ero riuscita a farvi vedere le foto dell'ultimo mercatino. Anche se con un pò di ritardo eccole qua.
Tanto per iniziare il mio Babbo Natale "morbidoso"


e poi un altro simpatico quadretto di Babbo Natale da appendere alla porta

set di lavette in vari colori





Una panoramica del banco con tanto di portatovaglioli, gessetti profumati, segnalibri, bambole di pezza, pupazzi di peluche, centro tavola in stoffa, asciugamni, accappatoi per bambini ecc.... ecc....


Il contatto con la gente è un'esperienza positiva, mettersi in gioco proponendo le proprie creazioni non è un gioco da ragazzi, comporta tanto impegno... ma succedono anche degli episodi che ti gratificano per i sacrifici che hai fatto lavorando per preparare un mercato.
Ecco voglio appunto raccontarvi questo episodio per me molto importante a livello professionale.....
Domenica in tarda mattinata si è avvicinata una persona al mio banco molto interessata ai fiocchi per nascita... dopo aver scambiato qualche parole con l'acquirente e aver concluso la trattativa di "vendita" mentre preparavo il pacchetto ho chiesto: "quando nascerà questo bambino "? (dal momento che il fiocco acquistato era azzurro)....... la signora mi ha risposto: "la mamma del bambino è in sala parto".....!!!!!!!!!
che dire un'emozione grande sapere che qualcuno avevo comprato da me il fiocco per un bimbio che stava nascendo ......... mi ha fatto emozionare......
Io vorrei abbracciare (virtualmente) questo bambino e la sua mamma e fare tanti tanti auguri per un sereno 2011, e magari perchè no quando D. (metto solo l'iniziale del nome del bambino.... ) sarà più grande verrà a trovarmi insieme alla sua mamma ......
Grazie a tutti per aver visitato il mio blog e grazie anche a tutte quelle persone che hanno visto da vicino le mie creazioni al mercato. Il prossimo appuntamento a piazza Verdi sarà il 23 Gennaio 2011. Ma ci sarà tempo e modo per ricordarvelo...... per ora buona giornata a tutti.

lunedì 27 dicembre 2010

La mia tavola natalizia

Natale è passato, ma continuamo a restare in un clima di festa. Anche se in ritardo volevo mostrarvi la mia tavola preparata in occasione della cena del 24 Dicembre. Quest'anno i colori che ho scelto sono state le tonalità bianco/marrone/verde.
Sulla tovaglia bianca ho poggiato una striscia da tavola avorio che ho ricamato con delle perline di colore argento, con la luce delle candele, che ho acceso poco prima che arrivassero gli ospiti, brillavano dando alla tavola un aspetto molto romantico.
Quest'anno la mia amica mi ha "regalato" lo stupendo centro tavola fatto con elementi naturali come i rami di abete, pigne e pezzetti di corteccia... un vero spettacolo...lei si che ha le mani d'oro in fatto di fiori non si batte.
E per concludere i tovaglioli sono stati legati con del nastro di raso marrone. Quest'anno niente segnaposto perchè ci ha pensato mio figlio..... su ogni piatto ha poggiato un cartoncino disegnato da lui con i temi natalizi (babboNatale, le renne, l'albero, i pacchetti, gli elfi....... ecc... ecc.....).... che dire una tavola tradizionale sicuramente e molto classica ma con un tocco di "modernità" dato dai cartoncini preparati dai bambini.
Fate partecipare ai peparativi i bambini saranno molto orgogliosi di aver contribuito con la loro creatività....

















sabato 18 dicembre 2010



Tradizioni sul Natale : L'albero di Natale


L'albero di Natale, imponente e maestoso è lui il re del Natale. E' la gioia di grandi e piccini. Non ha importanza se naturale o artificiale, alto 2 m o 50 cm è una vera e propria attrazione per i nostri occhi. luci su luci, sfere colorate, stelline, fiocchi, gli fanno da cornice nella sua antica tradizione.

Navigando in rete ci sono talmente tante storie che riguardano la nascita dell'albero di Natale. Di sicuro una cosa è certa che è stata una tradizione pagana assorbita poi dai cristianesimo, e notizie riguardanti appunto la nascita si hanno nel nord Europa, e più precisamente in Germania.

Nella storia infatti si narra che nel 1570 a Brema venne decorato un albero con mele, noci,datteri e fiori di carta. La città di Riga proclama invece la sua di sede come nascita del primo albero di Natale della storia nel 1510.

Fra le tante storie e leggende che ho letto riguardanti questo argomento ne ho scelto una in particolare ed è questa che voglio raccontarvi …..

sicuramente una leggenda, ma che ci farà sognare e sentire un po' la magia del Natale.

"….. In un villaggio di campagna, un ragazzino andò alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino come voleva la tradizione della Vigilia. Attardandosi nel bosco non ritrovò più la strada di casa, dal momento che iniziò a cadere una fitta nevicata. Per ripararsi dal freddo si riparò sotto l'unico albero che avesse dei rami folti era un abete. Il ragazzo stanco e sfinito si addormentò sotto i rami dell'abete. E ……. l'abete intenerito abbassò i rami fino a formare una sorta di rifugio, per proteggerlo dalla neve. Solo il mattino dopo quando si svegliò e fu ritrovato alla gente del villaggio tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che l'albero aveva creato. I suoi rami erano ricoperti di cristalli di ghiaccio e luccicavano con la luce del sole che stava nascendo …… L'albero così diventò il simbolo del Natale.


Beh! Ve lo avevo anticipato che era una leggenda ma vogliamo sognare per qualche giorno e tornare bambini credendo ancora nelle favole?

Come ogni ricorrenza ha un suo messaggio anche l'albero ne ha uno : la luce …… vi ricordate nella storia che ho raccontato prima …… "il sorgere del sole (la luce) ha fatto notare alla gente del villaggio l'albero nel suo splendore ….."
Luce soffusa , variopinta, a cascata ad intermittenza ma, sicuramente con un suo significato: c'è una luce per ognuno di noi!

Chi fu a guidare la notte del 24 dicembre i pastori verso la grotta del bambinello? Una luce quella di una stella. Ecco, l'albero con le sue luci è come una stella. Che si accende esclusivamente per ognuno di noi. Immaginiamo l'albero quindi come una stella nelle nostre case per le vie della città che accende l'allegria, la voglia di stare insieme, la voglia di festeggiare e più è intensa, e più accende gli animi.


A tutto ciò si aggiunge la tradizionale piacevolezza di fare dell'albero l'angolo dei regali. Eccolo trasformato dunque nel custode di pacchetti e pacchettini, da scartare rigorosamente la notte del 24 dicembre. Vedete allora che il nostro albero diventato così la luce di tutti i pensieri trasformati in regali!!!!

Beh, che altro dire, sbizzarriamoci dunque e creiamo il nostro albero di Natale unico, eguale a nessun'altro, soffermiamoci a guardarlo e lasciamoci rapire dalla misteriosa magia che solo lo scintillio delle sue piccole luci è in grado di creare.




Tra qualche giorno i nostri bambini saranno a casa per le vacanze natalizie. Pensiamo di passare qualche ora con loro facendo qualche lavoretto creativo he stimoli anhe la loro fantasia e sicuramente si divertiranno insieme a voi. I miei bambini amano dipingere tagliare incollare.... insomma quando c'è da pasticciare qualcosa sono sempre i primi....



Questa volta ho pensato ad un progetto facile facile.... i materiali possono essere anche cose recuperate in casa ecc... ecc....

Il materiale occorrente è:



- cartoncino (anche di recupero - scatole i biscotti - dei cereali ecc....)

- matita

- colori acrilici ( bianco e beige)

- pennelli

- spago (lana - fettuccia, .....)


- decorazioni (piccole pigne, perline, decorazioni natalizie, ecc....)

- nastro rosso (fettuccia, o....)

- colla

- forbici





Sul cartoncino che avete recuperato disegnate delle sagome a piacere... (io ho fatto i cuori, ma possono essere anche stelle, o alberi a vostra fantasia e dei vostri bambini)





Tagliate con le forbici le sagome e date un mano di acrilico bianco sui due lati (prima uno e poi l'altro) aspettate che si asciughi bene da entrambi i lati e ripetete l'operazione.





Lasciate asciugare bene a questo punto con una "bucatrice" per intenderci quelle che si usano in ufficio per forare i fogli (se non l'avete potete fare dei piccoli tagli con la taglierina) eseguite una serie di buchi su tutti i lati della sagoma facendone uno al centro per poter appendere successivamente la decorazione





Inserite un pezzo di spago nel foro centrale





Elimina formattazione dal testo selezionato



e poi su tutti i lati della sagoma







Sporcate con il pennello e il colore beige la sagoma... date delle pennellate di colore in modo disordinato. E' questo il bello per i bambini....



A questo punto fare un piccolo fiocchetto con il nastrino rosso, attaccare una piccola pigna, o un bottone, o un aperlina ed ecco il nostro cuoricino pronto per essere appesso al nostro albero


Buone vacanze a tutti

venerdì 17 dicembre 2010

Mercatino Artigianale

Non avete ancora ultimato i regali per NATALE, bene allora approfittate



Domenica 19 Dicembre
Mercatino Artigianale
Piazza Verdi (zona Parioli)
Il nostro stand si trova all'incrocio di Piazza Verdi con Via Giovan Battista Martini

sabato 4 dicembre 2010

Le tradizione del Natale

Tradizioni sul Natale : lo scambio dei doni

Come molti di noi non sanno (o non ricordano) il Natale in se e per sé è una festa pagana.


La festa del Natale ha origini molto antiche che nel tempo ha subito varie "modifiche". La festa che più si avvicinava al Natale già nell'antica Roma era quella che si svolgeva il 25 Dicembre in onore del dio Mitra, in essa si celebrava il solstizio d'inverno …..


Ma lasciando a chi di dovere l'aspetto storico della festa ritorniamo sui nostri passi e più o meno a 2000 anni fa quando il Natale entra a far parte di una delle ricorrenze più attese durante l'anno.
La tradizione ci riporta alla nascita di un bambino la notte del 24 Dicembre, in una mangiatoia. La similitudine con la leggenda del dio Mitra nato da una roccia presso un albero sacro tenendo in mano una torcia e i pastori presenti avevano dato in dono quello che avevano in quel momento a disposizione. Ugualmente il Bambino nato in quella notte del 24 Dicembre in una grotta illuminata da una stella, i pastori di un villaggio, Betlemme, portarono in dono quello che potevano offrire della loro "miseria".

La festa del Natale ha quindi un fulcro che ruota sul dono (donare) e l'amore (amare). Sta di fatto che da quella famosa notte il Natale è considerata la festa della famiglia. Sono giorni di allegria, di riunioni con parenti e amici, è un modo per far rivivere antiche tradizioni familiari. Il tutto incorniciato da un reciproco scambio di doni.



Ogni anno quando si avvicina il Natale ci "trasformiamo" in pastori, ricerchiamo qualcosa per dire : ti penso, ti voglio bene.


Negli anni il concetto del dono o regalo è cambiato. Però comunque si intenda resta e resterà un gesto antico e sempre gradito. Sotto l'albero si trova di tutto, ma veramente di tutto: dal dolce al vestiario dal libro all' high-tech . C'è quello economico e quello più costoso basta solo saper scegliere ed ecco il regalo già pronto bello ed infiocchettato.

Purtroppo può succedere che non sempre si sceglie quello giusto per la persona giusta. Non bisogna però "drammatizzare" , del resto i pastori che hanno fatto: hanno donato quel poco che avevano. Sono stati protagonisti di un gesto che non ha bisogno di commenti: hanno donato col cuore. Che bello vero?! Anche noi possiamo fare lo stesso. Quanto è bello vedere la sorpresa di una mamma, dei nonni, di un'amica nel fargli un dono dicendo : è per te (ma) l'ho fatto io.!!!!!!! Meraviglie delle meraviglie qualunque dono sia è sempre il più gradito.

Perché chi lo riceve apprezza senza dubbio l'impegno, la ricerca dei particolari, la fantasia di chi l'ha fatto. Chi dona è orgoglioso del risultato è fiero del lavoro ottenuto è felice di aver indovinato il gusto dell'altro.


Ebbene tutto questo ci riporta al concetto principale: l'amore e, il Natale più che mai è il momento buono per esprimere quello che abbiamo dentro. Perché anche un piccolo dono è un grande segno d'amore. Non serve quindi essere grandi artisti per "costruire" un regalo. Pensare alla persona, intuirne i desideri, ascoltare le sue emozioni, ecco che il regalo è fatto. Perciò a Natale ascoltiamoci tutti, armiamoci di grandi dosi di pazienza rispolveriamo i ricordi più belli e mettiamoci all'opera. Come i pastori noi potremmo essere portatori di un grande messaggio: non conta quanto ma come …………………………………..




Buon Natale a tutti



Rita






Un piccolo omaggio, un segnaposto ecco una guida per creare un "regalo" grazioso ma ancora più significativo se a realizzarlo saranno i piccoli di casa.


Magari potrebbe servire per abbellire la tavola, il giorno di natale, oppure per farne decori per l'albero di natale, … o meglio ancora se fate scegliere ai bambini dei piccoli doni da dare ai vostri ospiti. Vi assicuro che loro indovinano sempre. Ho già sperimentato con i miei e vi assicuro che il risultato è stato GRANDE!!!.


I materiali occorrenti sono:
cartoncino bianco (o colorato)
carta da pacco
lana o nastrini o fettuccia (o quello che si ha a disposizione)
perline, decori (stelle cuori ecc…)
forbici, forbici a zig zag (o qualsivoglia forma)
colla
spago
cartoncino per il nome


































Tagliare dal cartoncino un rettangolo di 29 x 9 cm, misurare il centro e fare un segno con la matita. Prendere da entrambi i lati coti la misura di 11 cm e piegare cosi da formare la base per l'alberello. Fare al centro i fori per poi chiudere e dal centro misurare 1,5 cm da ogni lato ed eseguire le linee come risulta dalla foto. E' più difficile da spiegare che a farsi …





















Ecco l'alberello è pronto per essere decorato.


















Tagliare con le forbici sagomate, se le avete, la forma di un "alberello" stilizzato o di una stella o un cuore insomma quello che volete …. sarà poi attaccato sul davanti della nostra confezione.


Inserite in una bustina o in un pezzo di tulle dei cioccolatini, una piccola saponetta, dei dolcetti, dei gessetti profumati chiudete e fissate con la cucitrice sul pacchetto …..

Fissate un capo di un pezzo di filo di lana dietro l'alberello e arrotolatelo intorno … così da ottenere questo risultato ….. con un pezzetto di spago chiudete le due estremità dell'alberello e decoratelo come più vi piace.















Insieme ai miei bimbi ho realizzato questi due …. Forza che cosa state aspettando mettetevi all'opera anche voi.



Buon lavoro